Dic 102011
 

I cambiamenti radicali avvenuti nei Paesi della sponda sud del Mediterraneo non costituiscono una minaccia per l’Europa, ma un’opportunita’. Di fronte alla complessita’ delle attuali trasformazioni politiche e sociali occorre rifondare le basi di una collaborazione nord-sud secondo nuovi principi e nuovi metodi di lavoro, al fine di raggiungere obiettivi condivisi”. Lo ha detto il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, a conclusione del Forum interistituzionale che si e’ svolto a Catania. Secondo Lombardo “bisogna ripartire da una collaborazione fondata sulla fiducia reciproca tra le nazioni”. “Non bastano – ha spiegato – accordi al vertice tra Stati. Occorre prestare attenzione ai nuovi attori apparsi sulla scena, promuovere intese tra collettivita’ locali, enti territoriali, regioni: sono questi i protagonisti ai quali fare riferimento”. Il presidente della regione si e’ poi soffermato sulla crisi economica e finanziaria che coinvolge anche l’area mediterranea. “La complessita’ della crisi – ha detto Lombardo – impone di affrontare con fermezza problemi come la disoccupazione, la poverta’, la carente formazione professionale; di eliminare dispersioni di mezzi per concentrare le gia’ scarse risorse disponibili su progetti prioritari condivisi; di mirare a uno ‘sviluppo contemporaneo e parallelo’ dei Paesi europei e della sponda sud”.

Il presidente Lombardo, inoltre, ha indicato alcuni temi sui quali lavorare: la creazione di nuove reti di trasporto aereo, marittimo e ferroviario tra i Paesi interessati; nuovi poli di formazione come il Politecnico del Mediterraneo; l’introduzione di strumenti finanziari attraverso una Banca per il Mediterraneo; piu’ intense collaborazioni tra PMI; investimenti congiunti nel settore delle energie rinnovabili; la realizzazione di accordi tra i Distretti della pesca; l’istituzione di una Borsa per il turismo da realizzare a Palermo il prossimo anno. Lombardo,infine,ha posto un interrogativo: “In questo immenso ‘cantiere per il futuro’, qual’e’ il ruolo della Sicilia? Per la sua posizione geografica e per la sua storia millenaria l’isola e’ un vero “ponte” tra le due sponde del Mediterraneo. Il Forum ha sottolineato l’importanza di una piu’ stretta collaborazione tra la Sicilia e i nuovi protagonisti dei Paesi vicini nella quale possiamo tutti ritrovarci”. Lombardo ha invitato tutti a continuare a lavorare in sinergia con appuntamenti a scadenza annuale e creare una rete permanente di collegamento. Secondo il presidente della Regione “l’obiettivo e’ creare una rete permanente di collegamento per assicurare ai nostri Paesi uno sviluppo sostenibile in una grande regione di pace, di fiducia e di comprensione reciproca”. Al termine dei lavori e’ stato sottoscritto un documento conclusivo che ha fatto il punto sulla due giorni internazionale.