Ott 192011
 

Il collegamento tra Napoli e Palermo e’ stato incluso nel core network della rete europea dei trasporti. La nota ufficiale distribuita in sala stampa, a Bruxelles, conferma le indiscrezioni della scorsa settimana. “Palermo – e’ scritto nel documento che elenca i collegamenti di ogni nazione – e’ una Grande area urbana (LUZ – large urban zone – secondo la nomenclatura statistica europea) di oltre un milione di abitanti e quindi e’ un nodo che deve essere incluso e connesso”. “La Sicilia garantisce anche collegamenti piu’ diretti per Malta e quindi questo collegamento e’ incluso nel corridoio Helsinky – La Valletta”.  Il Corridoio uno, Berlino-Palermo, era già stato al centro, a Bruxelles, di una riunione tecnica, chiesta dalla Regione siciliana, con la Commissione europea. Si tratta di un’opera imprescindibile per il sistema europeo dei trasporti, per garantire il collegamento delle regioni del Mezzogiorno italiano, Calabria e Sicilia, soprattutto per rafforzare il loro ruolo nel collegamento dell’Europa verso le nuove realtà del Nord Africa e le rotte marittime che collegano l’Europa ai Paesi nuovi protagonisti dell’economia mondiale: Cina, India e Brasile

Così l’Unione Europea conferma il sostegno al potenziamento dei collegamenti ferroviari tra Napoli e la Sicilia (ancora Bruxelles non precisa eventuali finanziamenti per la realizzazione del Ponte sullo Stretto). Un pacchetto assai corposo che, nel complesso, prevede la mobilitazione di finanziamenti Ue per un totale di 50 miliardi di euro tra il 2014 e il 2020 per concludere i vari intoppi per la messa in opera delle grandi reti. A questi fondi Bruxelles intende affiancare strumenti finanziari innovativi, come i project bond, per stimolare la realizzazione dei necessari investimenti. Solo per il completamento delle grandi infrastrutture transeuropee la Commissione ha infatti stimato che saranno necessari investimenti per oltre 1.000 miliardi di euro nei prossimi 10-15 anni. Dei 50 miliardi Ue, la maggior parte (31,7 miliardi) è destinata a finanziarie i progetti prioritari individuati nel campo dei trasporti. In Sicilia sara’ finanziata la linea Messina-Palermo. Il regolamento che la Commissione si appresta a varare, e che dovrà passare comunque al vaglio di Parlamento e Consiglio, fissa i paletti per procedere alla ripartizione dei fondi e prevede comunque la possibilità che l’elenco delle opere da finanziare possa essere modificato (tenendo conto di possibili cambiamenti delle priorità politiche, del manifestarsi di nuovi fattori tecnici e anche di variazioni nei flussi dei traffici). Da tenere in evidenza che i fondi assegnati saranno persi se i lavori non cominceranno entro un anno dalla data indicata negli accordi alla base della concessione del finanziamento.

LA DECISIONE SUL PONTE DOVRA’ ESSERE ITALIANA – “Non prevedere il finanziamento del ponte sullo stretto e’ certamente una ferita nella rete. Ma la decisione sul sistema di collegamento da utilizzare per collegare Sicilia e Calabria – via mare o attraverso il ponte – spetta alle autorita’ italiane”. Il commissario europeo ai trasporti, Johannes Hahn, non ha dubbi sulle scelte prese dalla Commissione: “La Sicilia doveva essere collegata. E’ una questione di logica e di numeri. Palermo e’ una area metropolitana. I dati sono inequivocabili.”