Ott 102011
 

Per tutta la settimana si svolgerà a Bruxelles, la nona edizione degli Open Days, la kermesse organizzata dal Comitato delle Regioni che garantisce un canale di collegamento diretto tra le amministrazioni locali e le istituzioni europee. In programma ci sono più di cento seminari nel corso dei quali le amministrazioni di tutta Europa hanno l’opportunità di confrontarsi e dialogare direttamente con i responsabili delle politiche comunitarie.           Quest’anno l’appuntamento arriva in un momento particolare. La Commissione europea ha infatti presentato la scorsa settimana la nuova proposta di modifica dei regolamenti con cui vengono utilizzati i fondi strutturali. E da alcuni giorni i documenti che modificheranno quelle che vengono definite le politiche di coesione sono stati inviati al Parlamento europeo, al Consiglio dei Ministri e al Comitatto delle Regioni: in discussione c’è il meccanismo che regolerà gli investimenti nel prossimo periodo di programmazione comunitaria, che va dal 2014 al 2020.

Il tema scelto per gli open days 2011 è ambizioso: “investire nel futuro dell’Europa, per garantire uno sviluppo intelligente, sostenibile e per tutti”. In questo “lead” ci sono tutte le parole chiave del prossimo ciclo della politica europea, che ruota sulla puntuale utilizzazione delle risorse finanziarie, mira con decisione alla tutela dell’ambiente e impone un visibile riequilibrio delle condizioni socioeconomiche in tutta l’Unione. Sono tre le aree tematiche su cui ruoteranno i dibattiti: la strategia Europa 2020, l’utilizzazione delle risorse, le grandi questioni geopolitiche. Nel corso della settimana, saranno presentati 65 esempi di partneship tra pubblico e privato sviluppati in 19 diversi stati dell’Unione: un modello operativo sottoposto alla valutazione di tutti. Una grande mobilitazione accompagna la manifestazione. Il sito ufficiale del Comitato delle Regioni segnala che tra settembre e novembre, sono programmati altri 253 eventi locali, nel 27 stati europei, nell’ambito della manifestazione “L’Europa nella mia regione”.