Set 282011
 

Nuovo look internazionale per la regione siciliana. La relazione programmatica che il presidente Raffaele Lombardo ha presentato all’ assemblea plenaria della conferenza delle regioni periferiche e marittime d’Europa e’ stata approvata – oggi – all’unanimita’. Lombardo, lo scoso 14 luglio e’ stato acclamato presidente della commissione intermediterranea, al termine di una due giorni di lavoro a Catania. E in quella occasione era  stata predisposta la “scaletta” politica del prossimo biennio. Da oggi, con l’approvazione della relazione, le proposte siciliane diventano il “brogliaccio” di tutta la politica mediterranea. La conferenza delle regioni periferiche e marittime e’ infatti una delle organizzazioni piu’ incisive all’interno del Comitato delle Regioni che, a Bruxelles, e’ diventato parte integrante del processo decisionale comunitario “bottom up”, che prevede il coinvolgimenti determinante delle popolazioni e dei territori. Accade cosi’ che le idee e le proposte siciliane diventano “centrali” prima nel Mediterraneo e poi, subito dopo, nella definizione delle politiche comunitarie per il periodo 2014-2020. L’assemblea plenaria della commissione intermediterranea della Conferenza delle regioni periferiche e marittime d’Europa, ha infatti approvato oggi pomeriggio ad Arhus, in Danimarca, la relazione di Lombardo, che diventa – da domani – esecutiva.

Il voto unanime dell’assemblea permette in particolare, al Presidente Lombardo e a tutto l’ufficio politico della Commissione intermediterranea, di avviare azioni concrete per garantire maggiore visibilità ai temi proposti dalle regioni della  sponda sud in particolare in materia di coesione e di prossimità, che sono i due binari su cui si muovono gli investimenti del bilancio europeo.“Solo con scelte politicamente qualificate potremo affrontare le rigidità annunciate nel nuovo budget delle istituzioni comunitarie – ha commentato il Presidente Lombardo -. Per questo l’ufficio politico della commissione intermediterranea è già da oggi al lavoro per definire le nostre proposte nei settori che riteniamo strategici per le nostre economie e i nostri territori”. La conferma che si lavora nella direzione giusta, arriva da Cipro.

A Lombardo è arrivata infatti la conferma di un incontro sui temi della politica euromediterranea, in ottobre, con il Presidente della Repubblica di Cipro. Un incontro strategicamente importante, proprio perce’ Cipro assumerà la presidenza dell’Unione, nel secondo semestre del 2012, nel momento in cui dovranno essere definite tutte le politiche europee fino al 2020.Il programma presentato dalla Sicilia ad Arhus dà via libera a una serie di iniziative in materia di pesca e agricoltura, energie rinnovabili e trasporto, cooperazione territoriale e cultura.  A fine Ottobre si svolgerá a Taormina  un incontro dei gruppi europei di cooperazione territoriale – i GECT -, che servirà a mettere a punto le proposte per il nuovo regolamento comunitario che regola l’attivita’ dei nuovi strumenti di cooperazione che apre la strada verso le “macroregioni”: territori omogenei che sostengono politiche comuni su settori strategici.In dicembre, a Palermo, si svolgerà una conferenza internazionale che servira’ a mettera a punto le strategie per una maggiore incisività dei territori nelle politiche euromediterranee. Nel 2012, e’ in programma un approfondimento delle politiche per la salvaguardia delle risorse idriche, in vista del Forum di Marsiglia. Da subito si lavorerà al coordinamento della presenza delle regioni mediterranee all’Expo 2015.