Mag 162011
 

La Sicilia è entrata a far parte del “Patto delle Isole”, il grande accordo tra le isole europee per la realizzazione di un Piano d’Azione che permetterà di abbattere le emissioni di Co2 nel territorio regionale e nelle otto municipalità delle sue isole minori.(http://www.islepact.eu/html/index.aspx). Il “Patto delle Isole” prevede lo studio e la progettazione di una serie di interventi per la fornitura di energia rinnovabile, la cui realizzazione potrà essere cofinanziata dalla Commissione Europea. L’idea è quella di studiare il modo per alimentare con energia da fonti rinnovabili (abbattendo quindi ogni forma di inquinamento) l’illuminazione dei palazzi pubblici e quella di strade e monumenti, così come quella destinata ad aree industriali o artigianali.

Il “Patto delle isole” affiderà a un comitato tecnico la scelta degli interventi e delle tecnologie da utilizzare. I progetti che saranno giudicati “bancabili”, in grado cioè di offrire un rendimento energetico che giustifichi il costo dell’impianto, passeranno al vaglio degli organismi finanziari comuni-tari. Il “Patto” è nato ad iniziativa delle isole Ebridi della Scozia e ha visto fin dal primo momento impegnate 12 isole “promotrici”. Alla cerimonia della firma, a Bruxelles, il 12 aprile, 60 autorità hanno sottoscritto l’impegno politico alla riduzione delle emissioni di Co2 entro il 2020. La Sicilia ha presentato la sua formale dichiarazione di interesse e l’adesione dei sindaci di Lampedusa, Favignana, Ustica, Pantelleria, Lipari e di Santa Marina, Malfa e Leni, dell’isola di Salina.