Apr 052011
 

BRUXELLES (SIE)- Il Comitato delle Regioni, in vista della ufficializzazione delle linnee di bilancio comunitario post 201, prova a salvaguardare un adeguato livello di sostegno alla politica regionale. Per farlo in forma ufficiale ha invitato il commissario europeo al Bilancio Janusz Lewandowski alla sessione plenaria che si è svolta il 31 marzo e il 1° aprile.
Il messaggio affidato al commissario Lewandowski non lascia spazio a dubbi: “Le proposte della Commissione in merito alla struttura del futuro bilancio fanno temere che la strategia Europa 2020 prevalga sugli obiettivi del Trattato, tra cui per esempio la coesione economica, sociale e territoriale. Per il Comitato delle regioni è chiaro invece che il bilancio europeo deve essere costruito sulla base delle esigenze del territorio ed ancorato ai risultati. Non sarebbe accettabile costringerlo entro il limite dei contributi nazionali che diventa-no sempre più bassi man mano che passano gli anni”.
L’Assemblea plenaria del CdR esprimerà la propria posizione sulla riforma dell’aiuto regionale dell’UE post 2013. Il parede del Cdr afferma chiaramente che la futura politica regionale dell’UE dovrà disporre di “risorse commisurate agli obiettivi perseguiti”.
Presto, inoltre, i legislatori europei cominceranno a rinegoziare il Fondo sociale europeo (FSE), che ogni anno distribuisce 10 miliardi di euro. Il parere d’iniziativa del CdR, sottolinea il valore aggiunto dei programmi europei conce-piti per aiutare i cittadini a trovare lavoro o ad avviare un’attività imprendi-toriale.
Il Cdr parlerà anche dei benefici connessi alla realizzazione delle macro-regioni. In particolare si discuterà del pieno sfruttamento del potenziale dei paesi e delle regioni lungo il corso del Danubio.
Ai lavori della sessione plenaria è invitata anche Viviane Reding, commis-sario europeo per la Giustizia, i diritti fondamentali e la cittadinanza: il Cdr ha infatti deciso di condividere l’intenzione della Commissione  espressa nella cittadinanza europea 2010”  di proclamare il 2013 Anno europeo dei cittadini.
Informazioni e documentazione  compresa da diretta dei dibattiti, disponibile sul sito www.cor.europa.eu.