Apr 052011
 

Il progetto di ―Sicilia in Europa‖ cresce a piccoli passi. Siamo infatti solo al secondo ―numero zero‖ della nuova newsletter europea in attesa della re-gistrazione della testata giornalistica. Ma lavorare ogni giorno alla selezione dell’enorme quantità di informazioni prodotte dalle istituzioni europee, ci per-mette di mettere a fuoco il ―bisogno informativo del mezzogiorno‖ sulle vicende comunitarie: analizzare dispacci, agenzie, comunicati e giornali di tutta Europa ci permette di immaginare quali risultati siano possibili. E in quali settori.
Ci stiamo concentrando nel tentativo di trovare e diffondere informazioni ―utili‖ a comprendere cosa veramente l’Europa offra. E cosa sia realisticamente possibile chiederLe. Di solito infatti le istanze politiche e imprenditoriali che dal Sud arrivano fin qui, sembrano dettate più dalle aspirazioni e dai biso-gni del momento, piuttosto che dalla consapevolezza del ruolo e delle funzioni delle istituzioni europee: un approccio certamente legittimo, ma — statistica-mente — improduttivo.
L’analisi dei bisogni, che certamente incide sulle scelte comunitarie, ha tempi diversi rispetto a quelli della attuazione delle misure. E per ―godere‖ dei benefici che l’Europa mette a disposizione dei suoi territori è necessario ―tenere il passo‖ con i tempi, le procedure, le verifiche e le analisi: che ven-gono fatte guardando sempre al futuro, quasi mai al passato.
Chi non ―prende il tempo‖ è destinato a restare al palo. Al Sud è accaduto spesso. E probabilmente, purtroppo, accadrà ancora. In queste settimane infatti le regioni meridionali stanno impegnando al massimo le loro strutture che si oc-cupano di programmazione europea, per provare a recuperare i ritardi nella spesa del periodo 2007 — 2013: l’imperativo, per tutti, è quello di salvare gli stan-ziamenti che la Commissione promette di ―tagliare‖.
Accade però che di qui a settembre-ottobre tutte le altre regioni europee, dove il ritmo della spesa è rimasto regolare e costante, potranno discutere, patteggiare e lavorare a ―mente serena‖, alla definizione delle politiche e alla distribuzione delle risorse che saranno disponibili fino al 2020 e — in alcuni settori — addirittura fino al 2050.
Di qui al 31 dicembre, invece, le regioni meridionali saranno costantemente sotto esame, stressate dal tentativo di ―salvare il salvabile‖, impegnate a par-tecipare a decine di incontri, vertici, riunioni: si tratta — ovviamente — di condizioni sia politiche che amministrative non paragonabili. In valore assolu-to.
In un momento tanto delicato, Sicilia in Europa prova a fornire a tutti gli operatori che al Sud si occupano di sviluppo e di questioni europee, dati ag-giornati e ―ragionati‖: niente di più che un piccolo contributo in positivo, in chiave istituzionale e nello spazio operativo della informazione ―di servizio‖.
Devo, in questa direzione, un sincero ringraziamento ai tanti colleghi che hanno voluto dedicare il loro tempo e la loro attenzione ai nostri sforzi, for-nendo utili indicazioni e preziosissimi consigli. Si tratta di un riscontro ―sul campo‖ che dà un senso diverso al nostro lavoro.

Gregorio Arena
responsabile dell’Ufficio stampa
presso il dipartimento degli affari extraregionali
della Presidenza della Regione Siciliana