Apr 052011
 

BRUXELLES (SIE) – E’ stato pubblicato in queste settimane il report della in-chiesta ―Atteggiamenti degli imprenditori europei verso la eco-innovazione, condotta Gallup Organization su un totale di 5 mila 222 manager di piccole e me-die imprese nei 27 paesi dell’Unione attraverso interviste telefoniche dal 24 gennaio al 1 febbraio 2011.
Il numero di interviste è stato differenziato in dipendenza delle dimen-sioni di ogni paese. Il numero standard di interviste è stato di 200. Tuttavia in Francia, Germania, Italia, Spagna e Regno unito, il numero è stato aumentato a 250. A Cipro, Lussemburgo e Malta, invece, il campione di interviste è stato fissato a 50.
In media il 45% delle imprese europee intervistate ha introdotto almeno una eco-innovazione negli ultimi quattro anni. Ma la maggiore sensibilità è sta-ta riscontrata in Polonia: negli ultimi due anni il 63% delle imprese ha fatto scelte eco-innovative rilevanti nei servizi, nei processi produttivi o nei meto-di organizzativi. Al secondo posto Malta, che raggiunge il 52%. Terza la Grecia al 50%. L’Italia è sedicesima al 42%. Ultimo posto per l’Ungheria al 27%.
I cambiamenti sono stati finalizzati alla riduzione dei costi materiali. Differenti le strategie: il 56% ha puntato sull’acquisto di tecnologie più effi-cienti. Il 53% ha sviluppato tecnologie più efficienti in house. Il 52% delle aziende, invece, per abbattere i costi si è orientato verso il riuso.
Le motivazioni più forti che hanno accelerato le scelte eco-innovative so-no: la prospettiva dell’aumento del prezzo dell’energia (52%), l’alto costo del prezzo attuale dell’energia (50%), l’alto costo del prezzo delle materie prime(45%).
Secondo l’indagine di Eurobarometro, l’incertezza della domanda di mercato è considerata un ostacolo serio dal 67% degli intervistati; il 64% valuta con preoccupazione la possibilità che l’investimento possa essere ammortizzato in un periodo troppo nel lungo; il 61% delle aziende è frenato dalla poca disponibili-tà di fondi propri da destinare all’investimento; il 60% ritiene insufficiente la possibilità di accesso a sussidi e incentivi.
Il documento completo è disponibile all’indirizzo: http://ec.europa.eu/public_opinion/flash/fl_315_en.pdf