Apr 052011
 

Gli eventi che si susseguono nel Mediterraneo richiedono analisi accurate, decisioni tempestive ed azioni coerenti, per una nuova strategia che tenga con-to degli errori commessi e dei nuovi attori protagonisti: i popoli e le società civili, troppo a lungo trascurati dall’Europa e dai governi europei.
L’approccio esclusivamente intergovernativo e bilaterale ha limitato i ri-sultati del processo di Barcellona, blocca in partenza l’Unione per il Mediter-raneo ed è stato definitivamente superato proprio dall’irruzione dei nuovi sog-getti.
Occorre ripartire dal basso per recuperare la fiducia della Sponda Sud dell’Europa a fronte dell’attrazione politica ed economica esercitata dagli Usa e dai Pesi emergenti, con in testa la Cina.
L’Europa, a partire dall’Italia, possiede tuttavia un’ultima ed unica carta da spendere nel Mediterraneo: la sua ―prossimità‖, fatta di entità regionali e locali, culturali ed economiche, sociali ed umane. Queste sono ancora capaci di costruire con i popoli dirimpettai una fitta rete di partenariati e di scambi, finora preclusi dal filtro di governi spesso corrotti ed onnivori.
Il processo di democratizzazione politica ed economica va così sostenuto, per avviare rapporti diffusi, simili a quelli attivatisi spontaneamente verso l’Est europeo dopo la caduta delle barriere politiche nel 1989.
Su questa risorsa, abbondante e diffusa, l’Europa può contare per fondare la nuova politica euro mediterranea, dotandola degli indispensabili mezzi finan-ziari e di efficaci strumenti di programmazione e di governance condivisa, come la Macroregione.
Per attenuare la drammatica pressione che spinge verso Nord milioni di gio-vani non c’è infatti altra via che lo sviluppo a Sud, con investimenti almeno pari alle centinaia di miliardi che alimentano la politica di coesione europea: non si può più far cadere solo le briciole, come accade con i programmi destina-ti al Mediterraneo (Med, Enpi..).
Per cominciare a contribuire allo sforzo straordinario e non più rinviabile richiesto a tutta l’Europa, le Regioni mediterranee possono assumere una inizia-tiva concreta ed immediata, da inserire subito nel bilancio Ue: il trasferimento di quote significative di risorse (almeno il 10 per cento dell’intera politica di coesione) dagli obiettivi ―convergenza‖ e ―competitività‖ all’obiettivo ―cooperazione territoriale transfrontaliera‖, nonché altrettanto dalle altre Po-litiche esterne ai programmi della ―prossimità‖ mediterranea.
Il sacrificio che questi trasferimenti richiedono alle regioni europee che ne sono attualmente beneficiarie, va però integrato con corrispondenti interven-ti aggiuntivi dell’Ue. La rimodulazione e la gestione dei programmi transfronta-lieri e di prossimità così impinguati potrà essere affidata alle stesse regioni, di concerto con i partner della sponda Sud, con il compito di accompagnarne l’attuazione.
Ciò consentirà di non incrementare molto — come si dovrebbe — la spesa eu-ropea, ma di renderla da vicino più mirata ed efficace nel tempo, consentendo un ritorno sulle Regioni transfrontaliere europee in termini di partecipazione allo sviluppo complessivo dell’area.

Francesco Attaguile
dirigente generale
del dipartimento affari extraregionali
della Presidenza della Regione Siciliana