Apr 052011
 

ROMA (SIE) – A fine estate la Commissione Unesco, a Parigi, valuterà le proposte nazionali all’inserimento nella World Heritage List, la lista del patrimonio mondiale degno di protezione e tutela. Ed è cominciato il conto alla rovescia per le candidature. La Sicilia ha avanzato quattro proposte per la lista del pa-trimonio materiale e una per quella del patrimonio immateriale.
L’Italia, ad oggi, conta 44 siti iscritti nella lista del patrimonio mate-riale, regolata dalla Convenzione sulla protezione del patrimonio mondiale, cul-turale e naturale, adottata dall’Unesco nel 1972. ( http://www.unesco.it/cni/index.php/cultura/patrimonio-mondiale ).
Quattro siti sono siciliani: l’area archeologica di Agrigento e la villa romana del Casale di Piazza Armerina, iscritte nel 1997; l’area del tardo baroc-co della Val di Noto, iscritta nel 2002; Siracusa e la necropoli rupestre di Pantalica, iscritte nel 2005.
Nella ―tentative list‖ ( http://whc.unesco.org/en/tentativelists/state=it ) ci sono due candidature presentate nel 2006: quella di Taormina e dell’Isola Bella, e quella dell’isola di Mozia e del Lilibeo, avanzate dal Ministero dei beni cul-turali. Due le candidature avanzate nel 2011 dalla delegazione italiana all’Unesco: quella del percorso arabo normanno di Palermo e Monreale e quella dell’area dell’Etna.
La convenzione Unesco per la salvaguardia del patrimonio culturale immate-riale è stata approvata nel 2003 e ratificata dall’Italia il 29 settembre 2007 con la legge n. 167. Tre gli elementi italiani inseriti nella lista: l’opera dei pupi siciliani, il canto sardo ―a tenore‖, inseriti nel 2008 e la dieta mediter-ranea, iscritta nel 2010.
http://whc.unesco.org/en/tentativelists/state=it
Il Presidente della Commissione italiana per l’Unesco, Giovanni Puglisi, ha inviato a Parigi—entro il termine del 31 marzo — la lista delle undici candida-ture italiane 2001, tra cui è inserito un altro simbolo della sicilianità: lo zibibbo di Pantelleria.
La prossima settimana la commissione interministeriale (turismo, beni cul-turali, politiche agricole, esteri) presieduta dal Ministro dei beni culturali Giancarlo Galan, dovrà indicare le due candidature ―ufficiali‖ italiane. Poi l’attenzione si sposterà su Parigi, in attesa del pronunciamento ufficiale.