Mar 312011
 

Il tema dei diritti umani sarà al centro del congresso delle Regioni e degli enti locali del Consiglio d’Europa che si riunirà a Strasburgo, dal 22 al 24 marzo. Come dimostrano le vicende che caratterizzano dall’inizio dell’anno il mediterraneo, le politiche sui diritti umani devono trovare la loro concreta attuazione nel territorio. Lì dove regioni ed enti locali sono chiamati e confrontarsi concretamente con le emergenze e a dare corso alle politiche di sviluppo.

I membri del congresso saranno chiamati ad esaminare numerose relazioni sulla democrazia territoriale in Turchia, Romania, Austria e Malta. All’ordine del giorno  anche la relazione sul monitoraggio delle elezioni locali che si sono svolte nell’ottobre 2010 in Ucraina.

Tra gli ospiti, atteso il commissario europeo per i diritti umani, Thomas Hammarberg, il commissario europeo per la politica regionale, Johannes Hahn, e il segretario generale del Consiglio d’Europa, Thorbjorn Jagland.

Il Congresso dei Poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa ( www.coe.int/T/I/congress/default_it.asp ) è una istituzione che rappresenta 200 mila tra regioni ed enti locali dei 47 stati che fanno parte del Consiglio d’Europa. Il Congresso è composto da due camere: la Camera dei poteri locali e la Camera delle regioni. Il Congresso si riunisce in seduta plenaria nel Palazzo d’EuropaStrasburgo, dove si trova anche il Segretariato.

ll Congresso costituisce uno spazio privilegiato di dialogo, entro il quale i rappresentanti dei poteri locali e regionali hanno la possibilità di dibattere problemi comuni, di confrontare le rispettive esperienze e di esprimere i propri punti di vista presso i governi.

La delegazione siciliana è formata da tre rappresentanti eletti: Giuseppe Gennuso (provincia regionale di Palermo) e Carmelo Pellegriti (provincia regionale di Catania), che fanno parte della Camera dei poteri locali; Bruno Marziano,deputato dell’assemblea regionale, è invece membro effettivo della Camera delle Regioni.