Mar 312011
 

Il decimo anno di “Sicilia in Europa” segna l’inizio di una nuova fase, che vede nella sua redazione il pieno coinvolgimento dell’ufficio stampa della Presidenza della Regione. La storica “newsletter” del Dipartimento di Bruxelles e degli affari extraregionali diventa una vera testata giornalistica, sarà diffusa anche attraverso le agenzie di stampa e sarà disponibile su nuovo un sito internet. Una trasformazione che sottolinea la bontà dell’intuizione che – dieci anni fa – diede vita a uno strumento di comunicazione destinato a chi, in Sicilia, aveva interesse a conoscere più in profondità la vita delle istituzioni comunitarie.

In tutta Europa – proprio in questo periodo di forte crisi economica – cresce infatti il bisogno di informazione. Lo conferma il sondaggio “Parlemeter” commissionato da Eurobarometro, di cui pubblichiamo uno stralcio proprio su questo “numero zero”: il 69 per cento degli europei dichiara di essere poco e male informato sulle attività delle istituzioni comunitarie. E una percentuale altissima di cittadini, conosce poco delle reali funzioni svolte dal Parlamento, che pure è eletto a suffragio universale.

Tutte le notizie e le informazioni su ciò che accade a Bruxelles sono in realtà disponibili a tutti. Le tante fonti di informazione che operano in questo settore pubblicano e diffondono costantemente una gran mole di dati, note e comunicati, di sintesi e resoconti di convegni e conferenze.

Una nota equazione sociologica spiega però che troppa comunicazione è uguale a nessuna comunicazione: orientarsi nella selva di notizie “europee” è una infatti vera e propria impresa. Si rischia di leggere e ascoltare di tutto, meno che ciò che rientra nel nostro reale interesse, nel campo d’azione della nostra quotidianità geografica e politica.

E proprio questo è il ruolo che “Sicilia in Europa” intende svolgere, fin da questo numero: selezionare le informazioni utili e renderle “disponibili” per chi vive e lavora nel profondo sud d’Europa.

Un ruolo di “intermediazione”, necessario per avvicinare due realtà che sono – e non solo a prima vista – assolutamente differenti: tanto “avvolgente” e accomodante è il nostro mondo euromediterraneo, quanto asettico e cordialmente formale si presenta l’ambiente istituzionale mitteleuropeo.

Ma quella di conoscere è diventata una vera necessità: proprio in queste settimane prende corpo – infatti – il nuovo, inedito, processo di “botton-up”: di partecipazione diretta delle regioni cioè, al processo di formazione delle decisioni comunitarie. Un motivo in più per impegnarsi a scoprire e comprendere i meccanismi istituzionali europei. Per sfruttare fino in fondo le opportunità offerte al territorio. E per essere consapevoli delle “ricadute” che ogni scelta fatta a Bruxelles, inevitabilmente produce sul nostro contesto economico e sociale.

Gregorio Arena

Responsabile dell’ufficio stampa

del Dipartimento affari extraregionali