Mar 292011
 

Il sessantacinquesimo anniversario della promulgazione dello Statuto autonomistico siciliano da parte di Umberto II  – avvenuta il 15 maggio 1946 – sarà l’occasione per rilanciare, dal basso, la politica euro mediterranea. E’ fallito il “processo di Barcellona” che, iniziato nel 1995, avrebbe dovuto condurre entro il 2010 alla “zona di libero scambio”. Ed è fallita l’Unione per il Mediterraneo, proposta da Sarkozy il 14 luglio 2008: il segretario generale dell’Unione si è dimesso proprio stigmatizzando il mancato avvio dei grandi progetti annunciati.

Di qui la necessità di una alternativa al metodo intergovernativo e bilaterale che aveva caratterizzato queste due iniziative. E’ comparso inoltre nel Mediterraneo un terzo attore, non previsto dalla miopia dei governi europei, che diventa protagonista attivo di ogni progetto futuro: il popolo e l’opinione pubblica della sponda sud, guidato da giovani che avevano creduto nelle prospettive europee e che sono oggi fortemente delusi. Rispetto a questi interlocutori occorre oggi un pronto recupero di credibilità, se si vuole mantenere un ruolo in un’area in cui sono largamente presenti e influenti gli Stati Uniti, la Cina e il fondamentalismo islamico.

Il punto di forza dell’Europa può essere la sua “prossimità”. Ma solo se si mettono in gioco e si attivano partenariati tra le Regioni, le città, le “categorie”: tra tutti i soggetti che possono condividere – tra le due sponde – “people to people” i servizi e le iniziative di sviluppo. Nel settore dei trasporti, della pesca, del commercio, dell’agricoltura e per la realizzazione di infrastrutture. E’ necessario avviare un nuovo processo a cui bisognerà dare risorse e strumenti di governance multilaterali, a cominciare dalla Macroregione. Per lavorare a questo progetto, il Presidente della Regione Siciliana ha invitato a Palermo – il 14 maggio – i soggetti più significativi interessati ad avviare un processo che riparte dal basso.

A Palermo sarà elaborata una proposta per spostare sul Mediterraneo adeguate risorse del bilancio europeo per accelerare lo sviluppo della sponda sud, come l’estensione della politica di coesione a quell’area e/o l’incremento della cooperazione territoriale (obiettivo 3), affidando gli interventi alle regioni frontaliere europee. Occorre altresì creare un nuovo strumento di programmazione e di governance mediterranea, coinvolgendo tutti i soggetti protagonisti del processo: una “Macroregione Mediterraneo” sul modello di quella avviata con successo nel Baltico.

Nel corso della riunione del 14 maggio sarà assegnato dalla giuria internazionale insediata lo scorso anno, il Premio Al Idrissi a due personalità delle sponde nord e sud che hanno significativamente contribuito al dialogo interculturale. Il Presidente della Regione consegnerà infine un premio ai familiari del giovane tunisino Mohammed Bouazizi, che con il suo sacrificio ha dato il via alla “rivoluzione dei gelsomini”. Un segnale concreto di solidarietà e di sostegno al processo di democratizzazione in atto nei paesi della sponda sud.

Nel quadro della stessa stategia si svolgerà a Catania il 17 giugno l’assemblea annuale della Commissione intermediterranea della Conferenza delle regioni periferiche marittime (CRPM), la più prestigiosa organizzazione interregionale transnazionale che raggruppa oltre centocinquanta regioni europee di cui quarantacinque mediterranee. Anche in questa occasione la Sicilia sarà al centro di un vasto movimento che mira a rilanciare dal basso la politica euro mediterranea.

Francesco Attaguile

Dirigente generale

del dipartimento degli affari extraregionali