Mar 292011
 
Fondo per lo sviluppo

ROMA – Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale – sul n. 58 dell’11 marzo scorso –  è diventato o una realtà il fondo per lo sviluppo delle isole minori (http://www.gazzettaufficiale.it/guridb/dispatcher?service=1&datagu=2011-03-11&task=dettaglio&numgu=58&redaz=11A03461&tmstp=1300187765182).

Il decreto del presidente del consiglio dei ministri sblocca – finalmente – le somme previste dalla legge finanziaria del 2008 a favore di 36 comuni dislocati su 37 isole italiani.

Il provvedimento permette anche di avviare l’esame dei progetti finanziati con la legge finanziaria per il 2009. In questa prima fase si tratta di oltre 14 milioni di euro che permetteranno di avviare progetti a sostegno dello sviluppo produttivo, della tutela ambientale, dei trasporti e dei servizi alla collettività, della cultura e dei beni culturali.

Il fondo, previsto dall’articolo 25 della legge 448 del 2001, diventa esecutivo alla fine di un lunghissimo e travagliato percorso legislativo: il 7 marzo 2003 il Presidente del Consiglio dei Ministri aveva infatti emanato il primo decreto attuativo, (http://gazzette.comune.jesi.an.it/2003/97/1.htm) con cui è stata individuata la tipologia degli interventi finanziabili.

Solo il 24 dicembre 2007, la legge 244  – la finanziaria del 2008 – ne ha codificato le modalità di erogazione. Il decreto è stato modificato nel 2009 e nel 2010, quando è arrivato in discussione alla conferenza delle regioni.

In quella sede la Regione Siciliana ha dato un contributo determinante (http://www.regioni.it/mhonarc/details_confpres.aspx?id=184244) alla definizione dei criteri di erogazione del fondo, nella stesura che – adesso – è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale.